Super 9 Marche: Una sconfitta su cui riflettere

Concentrazione prima della finale
Concentrazione prima della finale

Una sconfitta bruciante ed inaspettata per il Perugia ad Ascoli, nella tappa marchigiana del Circuito Super 9 FISCT contro i laziali del C.C.T.Roma.  I grifoni si ripresentano con la stessa formazione che la settimana precedente aveva vinto a Sessa Aurunca ovvero con Fabio Belloni, Stefano Buono, Stefano De Francesco, Francesco Mattiangeli e Massimiliano Nastasi. Il girone vede i perugini passare senza difficoltà precedendo le Fiamme Azzurre  Roma superate nettamente 3-0. I quarti vedono passare tutte quante le migliori. Il Perugia trova una squadra di serie A, il Bari.

 

QUARTI DI FINALE

A.C.Subbuteo Perugia-Bari 4-0

C.C.T.Roma-Fiamme Azzurre Roma 2-1

Brasilia Chieti-Ascoli 2*-2

Bologna Tigers-Master Sanremo 2-1

 

I grifoni si sbarazzano degli avversari pugliesi con un punteggio che non lascia spazio a nessun dubbio. Il C.C.T. fa suo l'ennesimo derby contro le Fiamme Azzurre e si qualifica per le semifinali con le larghe vittorie di Morgan Croce ed Enrico Guidi che battono con un identico e roboante    3-0, Amerigo Scatamacchia e Niki Napolitano rispettivamente. I bolognesi del Presidente Riccardo Marinucci si impongono ai liguri del Sanremo con il minimo scarto. Eccezionale il successo del Brasilia Chieti, compagine neopromossa in serie C che seppure solo per differenza reti riesce ad eliminare l'Ascoli. Decisivo per rompere l'equilibrio il successo per 2-0 dell'ex Cesare Santanicchia contro Giancarlo Silvestri che fa pendere la bilancia dalla parte degli abruzzesi. I rimpianti per averlo perso dopo  quest'incontro sicuramente saranno notevoli.

 

SEMIFINALE

A.C.Subbuteo Perugia-Brasilia Chieti 3-0

C.C.T.Roma-Bolgna Tigers 2-1

 

Facile affermazione dei grifoni contro il Brasilia Chieti che comunque chiude il torneo con un inaspettata ma meritatissima semifinale. Nell'altra semifinale invece la spuntano i romani del Presidente Fabrizio Sonnino grazie alle vittorie di Massimiliano Croatti e Severino Gara e al pareggio di Enrico Guidi che ferma sullo 0-0 la stella degli emiliani Andrea Di Vincenzo. La finale è quella annunciata alla vigilia Perugia-Roma.

 

FINALE

C.C.T.Roma-A.C.Subbuteo Perugia 2*-2

Gara-Belloni 3-1

Croce-Buono 2-1

Guidi-De Francesco 1-2

Croatti-Nastasi 1-2

 

Ancora un 2-2 in finale come era stato a Sessa Aurunca ma con la sostanziale differenza che stavolta la differenza reti condanna il Perugia alla sconfitta. Tutto cambia nell'ultimo minuto di gioco quando Severino Gara segna la terza rete con Fabio Belloni e Morgan Croce segna la rete che si rivelerà decisiva nell'economia dell'incontro. I pochi istanti che mancano non permettono ai grifoni nessuna possibilità di replica. C'è solo il tempo per vedere la giusta esultanza dei romani e per capire che per vincere bisogna avere la stessa fame e la stessa voglia di raggiungerla dell'avversario.

La serie A si avvicina e sicuramente i grifoni dovranno migliorare se si vogliono confermare campioni d'Italia.